Blog: Nuovo concorso - La stranezza della foto

Nuovo concorso - La stranezza della foto

martedì 30 settembre 2008

Salve.
Si comunica che è online il Concorso #51 - La stranezza della foto

Descrizione
Foto di persone, animali, natura, paesaggi e oggetti o cose che siamo più strane possibili, non ritoccate ma puramente reali.

Info: (info su come partecipare)
Invio foto: 30 Settembre fino al 7 Ottobre sarà possibile inviare la foto
Generazione dei gruppi: 7 Ottobre
Votazioni di scrutinio: dal 7 Ottobre al 14 Ottobre (info su come votare)
Votazioni ufficali: dal 15 Ottobre[/b] al 22 Ottobre (info su come votare)

leggi il resto...

Cordiali saluti.

utente cancellato

9 anni fa

Salve a tutti.
Ho inserito la mia fotografia..anche se avevo deciso di non partecipare a questo contest..fino all'ultimo perchè,(ma dopo tutto che motivo c'è per nn farlo,non c'è nulla da perdere è sempre un modo per divertirsi,scambiarsi idee e apprezzare le opere degli altri)...da un lato non mi affascinava molto come tematica,dall'altro perchè credo che non sia stato molto chiaro l'autore...ho letto gente che aveva una idea,altra un'altra ancora...io sono dell'idea che si è sbagliato semplicemente l'uso di alcune parole nel presentarci questo contest...leggendo la descrizione si può capire che bisogna cogliere gli oggetti le persone gli animali più strani possibili...mentre il titolo dice altro( la stranezza della foto..) questo significa che è la foto scattata da noi che rende strano qualcosa.."con tecniche fotografiche con composizioni scelte ecc..."altrimenti il titolo doveva essere: (le stranezze della vita) in questo modo ci sarebbe stato un collegamento con la descrizione stessa...spero di essere stato chiaro. Buon contest a tutti.
utente cancellato

9 anni fa

comunque mi riferivo alle opere ultime dei due artisti, dopo gli anni '30. come al solito passeranno le foto più gradite e a tema dalla maggioranza ... come buon sistema democratico che si rispetti. :.)
Kudak

9 anni fa

Alla fine parliamo sempre della stessa cosa, tu hai definito bene gli intenti dei surrealisti, io ne ho preso a prestito le tecniche, in effetti il loro grande problema era proprio quello di trovare un modo di rendere in pratica quell' automatismo psichico che era alla base delle loro opere.
E comunque se ci pensi bene ciò che noi definiamo strano consciamente, probabilmente a livello inconscio non lo è e quindi noi non siamo altro che dei mediatori nel cercare di descrivere le situazioni da te definite non a caso " stranianti "e cioè al di fuori della normale percezione e per le quali altro non abbiamo che la realtà per renderle.
A proposito Duchamp da buon Dadaista, usava gli oggetti così come erano, o come dicevano loro " Ready-Made", senza modificare nulla, in quanto importante non era l'oggetto ma il concetto sottostante.
Conosco bene l'opera di Man Ray, ma ti ringrazio per il suggerimento appropriato.
Basta così o ci sbattono fuori e se vuoi continuiamo in PV.
Buon lavoro e spero tu non abbia azioni Unicredit

:D:D:D
utente cancellato

9 anni fa

a proposito mi verrebbe da consigliarti di guardarti qualche opera di Duchamp o Man Ray che, pur non essendo surrealisti, molto hanno collaborato col gruppo di Breton. :.), la stranezza penso si trovi ovunque, sia che l'immagine sia classica che distorta. :!
utente cancellato

9 anni fa

il discorso forse diventa un po' troppo complicato. non vorrei essere distruttivo, comunque il surrealismo utilizza tecniche propriamente classiche, quello che produce sono situazioni stranianti, provenienti dal subconscio, appunto surreali, il contenuto è volontariamente distorto, gli accostamenti sono vuluti per descrivere sensazioni, pensieri, emozioni, ma non ricerca la stranezza nella realtà delle cose, piuttosto nel modo che ha l'artista di interpretarle. lo stesso Breton diffida dalla faciloneria con cui si possono creare immagini surrealiste. Magritte crea situazioni "strane", gioca sui concetti, non cerca nella realtà momenti surreali.